Tratto da Pittura murale esterna Veneta - Padova e provincia - Pier Luigi Fantelli

87. Padova

Via Savonarola, 142. Casa Pamio.

Facciata

Graffito raff.: Motivi decorativi, Giudizio di PAride, Orfeo e animali sec. XVI. Ignoto pittore veneto. Intonaco graffito fronte m. 8c

La decorazione s'estende a tutta la facciata che unifica due edifici medievali ristrutturati ne XVI secolo, sembra di proprietà Capodovica. Con ogni probabilità la decorazione venne concepita ad origine come un graffito, mancando totalmente qualsiasi indicazione di colore. La fascia superiore in origine sottogronda (è stato aggiunto in epoca successiva un secondo piano) raffigura tritoni e bucrani con penne infisse nelle cavità oculari tra vegetali, entro cornice classica a moli.

Segue tra le finestrature la coppa di riquadri raffiguranti rispettivamente a sinistra Orfeo tra gli animali e a destra il Giudizio di Paride. Al disotto delle finestrature è altra fascia, con bucraai alternati a grifoni e cespi vegetali entro cordonatura inferiore a scaglie. Il profilo degli archi del portico presenta una ricca decorazione a ovoli, cordonatura e cornucopie entro le vele degli archi.

Il marcato carattere umanistrico della decorazione, esemplato sugli ordini classici per quanto concerne le parti non figurative rimanda ad ad una cultura che a Padova è presente dal secondo Quattrocento ma che sopratutto nel quarto, quindo decennio si sviluppa in concomitanza con le imprese edilizie del Cornaro.

 

 

 

Scarica i documenti in pdf

 

Go to top